Z-Health e lo Zen del liberarsi dai dolori

La neurofisiologia lo dice molto chiaro: tutti dolori nascono dal cervello, all’interno del nostro sistema nervoso.        A volte scherzo con i miei allievi dicendo loro: “Se vi staccassero un braccio ma un momento prima vi avessero decapitato, non avvertireste nessun dolore” e difatti se ci pensate la cosa non sarebbe così inverosimile. La domanda chiave riguarda quindi il perché il cervello decida di segnalare un dolore che altro non è che un segnale di intraprendere un’azione. Un dolore ad esempio alla spalla, non è quindi un problema della spalla, ma un problema del sistema nervoso e quasi mai la soluzione si limita a porre in atto esercizi per la spalla stessa.
I casi di miglioramento di determinate patologie, dopo qualche seduta di Z-Health sono davvero tanti. Questo perché ogni  individuo è a sé, non è replicabile, e ha un cervello diverso da qualsiasi altro cervello al mondo. Perciò, la cura da intraprendere per ognuno è diversa da qualsiasi altra persona. La caratteristica che preferisco del metodo Z-Health è che, dopo ogni singolo esercizio,  si scopre quanto importante o quanto indifferente era quel esercizio per quella persona in quel momento della sua vita, e questo lo si scopre attraverso alcuni test specifici. E così, per esempio, si scoprono degli esercizi c.d. HIGH PERFORMANCE, che hanno una resa importante per quella persona in quel momento della sua vita, esercizi che poi faranno parte del suo percorso all’interno del metodo Z-Health.
Ci sono stati casi di individui che hanno migliorato mal di schiena attraverso esercizi per i piedi, dolori ai gomiti o alle articolazioni attraverso esercizi degli occhi, oppure alla spalla attraverso esercizi vestibolari, o infine alle ginocchia attraverso esercizi per il derma. Di storie così, apparentemente miracolose, ce ne sarebbero tante. Ma di miracoloso c’e solo un metodo capace di coniugare diverse discipline come neuroscienza, anatomia, kinesiologia, chiropratica e ricerca solida applicata, in un unico sistema: Z-Health.

Vi aspetto!

Mintaka Jannes